Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

L’angelo della storia – Sotterraneo

19 Aprile @ 20:30 - 23:30

Premio UBU “Miglior spettacolo dell’anno 2022”

creazione Sotterraneo
ideazione e regia Sara BonaventuraClaudio CirriDaniele Villa
in scena Sara BonaventuraClaudio CirriLorenza GuerriniDaniele PennatiGiulio Santolini
scrittura Daniele Villa
luci Marco Santambrogio
costumi Ettore Lombardi
suoni Simone Arganini
montaggio danze Giulio Santolini
responsabile produzione Eleonora Cavallo
assistente produzione Daniele Pennati
responsabile amministrativa Federica Giuliano
produzione Sotterraneo
coproduzione Marche TeatroATP Teatri di Pistoia Centro di Produzione TeatraleCSS Teatro stabile di innovazione del FVGTeatro Nacional de Lisboa D. Maria II
contributo Centrale FiesLa Corte OspitaleArmunia
col supporto di MicRegione ToscanaFondazione CR Firenze
residenze artistiche Centrale Fies_art work spaceCentro di Residenza Emilia-Romagna/La Corte OspitaleDialoghi – Residenze delle arti performative a Villa ManinArmuniaElsinor/Teatro Cantiere FloridaATP Teatri di Pistoia  

Ringraziamento speciale Gabriele Grossi

Sotterraneo fa parte del progetto Fies Factory, è Artista Associato al Piccolo Teatro di Milano ed è residente presso l’ATP Teatri di Pistoia

“Non è che il passato getti la sua luce sul presente o il presente la sua luce sul passato: l’immagine è ciò in cui quel che è stato si unisce fulmineamente con l’adesso in una costellazione.”
 Walter Benjamin

L’Angelo della Storia assembla aneddoti storici di secoli e geografie differenti, gesti che raccontano le contraddizioni di intere epoche, azioni che suscitano spaesamento o commozione, momenti che in una parola potremmo definire paradossali. Ispirandoci a quelle che il filosofo Walter Benjamin chiamava costellazioni svelate, proviamo a raccontare questi episodi mettendoli in risonanza col presente, componendo una nostra personale mappa del paradosso fatta di microstorie, istanti sospesi, momenti fatali di persone illustri o sconosciute: fatti e pensieri lontani fra loro ma uniti da quella tela di narrazioni, credenze, miti e ideologie che secondo lo storico Yuval Noah Harari compongono la materia stessa di cui è fatta la Storia.

Oggi che la complessità ci richiede immaginari inediti e nuovi processi cognitivi, ci piace pensare che a teatro si possano recuperare narrazioni e circostanze a cui Sapiens ha aderito nei millenni, smontarle, ricombinarle, prenderne distanza allontanandoci nel tempo e cercare almeno un po’ di quella vertigine che coglie un astronauta quando osserva la Terra allontanandosi nello spazio.

Dettagli

Data:
19 Aprile
Ora:
20:30 - 23:30
Categoria Evento:

Luogo

Teatro Camploy
Via Cantarane 32
Verona, 37121 Italia
+ Google Maps
Phone
379 2651331
Visualizza il sito del Luogo